RIGENERAZIONE OSSEA GBR

L’uso di impianti dentali è diventato un trattamento diffuso e predicibile per il restauro delle edentulie. La continua evoluzione dei materiali e delle morfologie implantari è rivolta ad una riduzione dei tempi ed una minore invasività anche nel numero di chirurgie eseguite per singolo trattamento implantare.

Per ottenere un buon impianto osteointegrato con un elevato grado di predicibilità del risultato, l’impianto deve essere: sterile, biocompatibile, inserito con un protocollo chirurgico atraumatico e con stabilità primaria.

  • Rigenerazione-ossea-gbr-2-Odontoiatria-FQ
  • Rigenerazione ossea gbr | Odontoiatria FQ

È chiaro che le condizioni anatomiche dei tessuti alveolari sono elementi fondamentali per affrontare il trattamento implantare e l’uso delle metodiche rigenerative GBR sono un passo fondamentale per il raggiungimento del risultato finale, in quanto l’implantologia quasi sempre viene applicata nel trattamento di edentulie atrofiche e la tecnica GBR permette un ripristino anatomico alveolare senza ricorrere a chirurgie ricostruttive più invasive.

Il principio di base della rigenerazione ossea guidata (GBR) prevede il posizionamento di barriere meccaniche definite membrane per proteggere coaguli di sangue e per isolare il difetto osseo dal tessuto connettivo circostante, fornendo così lo spazio per la formazione di nuovo tessuto osseo.

Ad oggi sono disponibili diverse tipologie di membrane con caratteristiche diverse tra loro e si distinguono in:

  • membrane non riassorbibili
  • membrane riassorbibili