CHIRURGIA COMPUTER GUIDATA

La richiesta dei nostri pazienti è un’abbreviazione dei tempi di terapia nel suo complesso, una riduzione dell’invasività chirurgica con una conseguente diminuzione della morbilità della fase post- operatoria.

Il passaggio della visualizzazione bidimensionale, tipica dell’ ortopantomografia e delle radiografie endorali, ad una visione spaziale, ha permesso al chirurgo implantare di conoscere e conseguentemente di evitare tutti quegli ostacoli anatomici che i casi clinici presentano.

La chirurgia computer assistita (CCA) è una tecnica moderna che permette di coniugare il posizionamento degli impianti in modo più preciso e predicibile.

Grazie all’uso dei software di simulazione di posizionamento implantare possiamo ottenere una migliore pianificazione protesica ed un più un corretto posizionamento degli impianti in funzione dell’osso residuo e delle strutture anatomiche da rispettare.

Con questa tecnica è possibile riabilitare un paziente con protesi fisse supportate da impianti in una sola seduta e con minima invasività.
Lo studio anticipato e la previsione delle variabili in gioco, consentiti dall’analisi al computer, ci guidano ad un’esecuzione con minor improvvisazione, minor tensione e affaticamento fisico e men- tale.

La chirurgia computer guidata è una rivoluzionaria innovazione che permette di eseguire interventi di implantologia in modo meno invasivo, meno doloroso e più rapidamente rispetto all’implantologia convenzionale e di allargare il numero e il tipo di pazienti che possono ricevere gli impianti.

In ESSEMME siamo da lungo tempo esperti utilizzatori e insegnanti di questa tecnologia.

  • chirurgia guidata | Denti fissi | Odontoiatria FQ

COME FUNZIONA

Il sistema si basa sull’utilizzo di esami radiologici 3D ( TAC o TCV), di un programma computerizzato specifico (software) e di mascherine chirurgiche realizzate con tecniche automatizzate (CAD-CAM) che guidano la realizzazione degli alloggiamenti nell’osso degli impianti.

La procedura standard prevede l’esecuzione virtuale dell’intervento chirurgico di posizionamento degli impianti su immagini anche tridimensionali (3D) delle ossa e delle gengive del paziente; così è possibile valutare con estrema accuratezza tutti gli aspetti e i rischi chirurgici e protesici scegliendo le migliori posizioni degli impianti e sfruttando al meglio l’osso disponibile.

Dopo aver posizionato virtualmente gli impianti e giudicata corretta la pianificazione dell’intervento si procede alla fabbricazione della guida o mascherina chirurgica. Questo strumento calzato dal paziente nella fase chirurgica permette di replicare con precisione le posizioni programmate degli impianti nelle ossa mascellari. La mascherina chirurgica guida tridimensionalmente la direzione e l’affondamento delle frese e degli impianti nell’osso, spesso senza la necessità di tagliare e scollare le gengive.

I VANTAGGI

Per riassumere i vantaggi per il paziente di questa tecnica sono:

  • studio meticoloso dell’intervento chirurgico
  • possibilità di inserire impianti senza tagliare ne’ scollare le gengive
  • possibilità di inserire impianti senza innestare o ricostruire osso
  • risolvere in modo semplice anche casi apparentemente complessi
  • riduzione dei tempi chirurgici
  • riduzione del dolore e del gonfiore post-operatorio
  • riduzione del sanguinamento intra e post-operatorio

La combinazione di questi fattori positivi permette, utilizzando questa metodica, di inserire impianti anche in pazienti nei quali l’implantologia convenzionale è sconsigliata o controindicata.

Età avanzata, scompensi, malattie del metabolismo non sono più necessariamente impedimenti alle riabilitazioni con impianti.